Riflessioni sulla consapevolezza

La consapevolezza è un cammino

La consapevolezza può essere pensata come uno stato, come un’esperienza che sperimentiamo o non sperimentiamo (pensiamo agli automatismi), ma nel frattempo si tratta anche di un processo, connotato da trasformazione e cambiamento.

Jung, parlando del processo di individuazione, lo descrive come un lungo, unico, e personalissimo percorso, che ci consente di conoscere, mano a mano che prosegue, sempre più parti della nostra personalità, come se si trattasse di incontri, che riescono – proprio come avviene con le nuove conoscenze, quando apprendiamo – ad armonizzarsi all’immagine che abbiamo di noi stessi.

Individuazione, identificazione, riconoscimento, scoperta, conquista, rivelazione, tappa.

Pensiamo a quali potrebbero essere i contrari di questi termini.

Potrebbe essere più semplice usare le immagini che ci affiorano dalla mente.

La nostra aggressività, se individuata, sotto le ombre e le difese che spesso ci portano a proiettare sugli altri contenuti che in realtà appartengono a noi, ma non sono armonizzati, potrebbe trasformarsi in creatività, forza, curiosità, capacità decisionale, determinazione, autorevolezza, espressività, bellezza.

Quali talenti potrebbero affiorare dalle nostre ombre?

Tolstoj ha scritto: “Tutta la varietà, tutta la delizia, tutta la bellezza della vita è composta d’ombra e di luce”.

E un racconto eschimese spiega così l’origine della luce: «II corvo che nella notte eterna non poteva trovare cibo, desiderò la luce, e la terra si http://www.buytadalafilonline20mg.com illuminò». Se c’è un vero desiderio, se l’oggetto del desiderio è veramente la luce, il desiderio della luce produce la luce. (Simone Weil)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

3713095423

consulenza@psiche.org

Lavoro a Genova a Milano e On-Line

About The Author

Related Posts