Uscire dalla depressione con l’aiuto dell’ipnosi

Uscire dalla depressione con l’aiuto dell’ipnosi

Uscire dalla depressione può consistere in un percorso lungo, difficile, con diverse ricadute. 

Si tratta di un disturbo complesso che spesso ha bisogno di un intervento integrato.

Con questo articolo desidero condividere con te alcune semplici informazioni riguardanti l’uso dell’ipnosi per uscire dalla depressione.

Perché usare l’ipnosi per ridurre i sintomi depressivi?

«Molti dati scientifici suggeriscono che questa potrebbe essere un trattamento che rispetta i criteri di eccellenza» (D. Bottoni, 2018).

Le ricerche mostrano che i trattamenti che impiegano l’ipnosi rispetto ad altri hanno maggior probabilità di ottenere un risultato significativamente più favorevole (Kirsch et al., 1995, Schoenberger, 2000). L’ipnosi è utile nel ridurre i sintomi comuni di depressione maggiore agendo direttamente sul senso di impotenza, di disperazione, di sconforto, di assenza di speranza del paziente (D. Bottoni, 2018).

L’ipnosi risulta efficace nel ridurre la sensazione di l’affaticamento, i disturbi del sonno, il senso di vittimizzazione, la ruminazione mentale. 

Oltre a questi dati, ciò che risulta di particolare interesse è l’efficacia dell’ipnosi nell’incrementare le risorse della persona. 

Grazie all’ipnosi – cioè all’attivazione delle risorse individuali inconsce e non sfruttate – nella persona andrà ad attivarsi una maggiore la capacità di gestione dello stress. Ad esempio: imparare gradualmente a difendere i propri confini, permette di ridurre notevolmente le fonti di stress, frustrazione, vittimizzazione, che a loro volta alimentano il circolo vizioso che genera il pensiero eccessivo, dominato da contenuti di inadeguatezza, impotenza, fastidio, sconforto.

Su cosa intervenire in pratica

L’ipnosi potrà aiutarti ad uscire dalla depressione fornendoti un aiuto pratico, cioè intervenendo direttamente su:

  • bassa autostima
  • difficoltà nel prendere decisioni
  • debolezza fisica e mentale
  • difficoltà di concentrazione
  • scarso appetito o l’iperfagia
  • insonnia o l’ipersonnia
  • cali di energia
  • sensi di colpa
  • auto-svalutazione
  • tristezza
  • vuoto
  • irritabilità.

Uscire dalla depressione comporta la decisione di compiere un atto di responsabilità e protezione verso se stessi. 

A proposito di questo imparare a usare per conto proprio l’auto-ipnosi rappresenta senza dubbio uno strumento pratico da utilizzare in autonomia, che andrà a sommarsi alla psicoterapia.

Fonti:

Bottoni D. (2018), Disturbi depressivi, in (a cura di, De Benedittis, Mammini C., Rago N.), Blue Book – La guida all’ipnosi evidence-based, Franco Angeli, Milano

Gaia Berio psicologa psicoterapeutaGenova Arenzano – 348 6028718 – 371 3095423

About The Author

Related Posts