Ansia e stress: come prevenire i sintomi fisici

Ansia e stress procurano sintomi fisici, è ormai un processo noto e dimostrato scientificamente, attraverso parametri misurabili nell’uomo.

Spesso tuttavia ci rendiamo conto di vivere una condizione di ansia o stress quando questi sintomi hanno già iniziato a manifestarsi in modo fastidioso.

Questo può interferire con la nostra normale vita relazionale, lavorativa e familiare.

In questo articolo ti parlerò di come riconoscere i principali sintomi di ansia e stress e di come poter effettuare una corretta prevenzione.

Ansia e stress possono essere prevenuti e fronteggiati adeguatamente.

La riduzione dell’ansia e dello stress migliorano a qualità di vita, l’umore, le relazioni, la sicurezza di sè.

Ansia e stress: i principali sintomi

L’ansia può manifestarsi con una sintomatologia prettamente fisica, mentale o con entrambe.

Essa può procurare:

  • tachicardia
  • dispnea
  • sudorazione
  • affaticamento
  • perdita del desiderio sessuale
  • irritabilità
  • difficoltà di addormentamento
  • insonnia
  • difficoltà a rilassarsi
  • sensazione di paura legata alla perdita di controllo.

Lo stress consiste nella risposta a richieste dell’ambiente percepite come eccessive rispetto alle proprie risorse.

Quando siamo esposti a stimoli stressanti per periodi di lunga durata lo stress risulta nocivo. 

Questo capita perchè da adattivo diventa cronico.

Possibili cause dello stress sono: malattie organiche, eventi della vita spiacevoli come un divorzio o un lutto,  fattori ambientali.

I fattori ambientali possono essere:

  • lavorativi
  • familiari
  • relazionali.

Alcuni sintomi dello stress sono:

  • mal di testa
  • sensazione di agitazione
  • irrequietezza
  • problemi del sonno.

Quando siamo sovrastati da eventi stressanti spesso viviamo emozioni negative un vago senso di infelicità, nervosismo e soprattutto la sensazione di essere sotto pressione.

Come prevenire l’insorgenza dei sintomi

L’ansia e lo stress e i sintomi fisici e mentali che essi procurano possono essere prevenuti con un intervento psicologico.

L’apprendimento di tecniche di rilassamento e l’uso del il biofeedback possono aiutarci a gestire i parametri fisiologici correlati alle manifestazioni di ansia e stress.

Tali parametri misurabili possono gradualmente passare da inconsapevoli a essere processi maggiormente sotto il nostro controllo volontario.

Una consulenza psicologica, può essere di aiuto per individuare come modificare il proprio stile di vita per prevenire ansia e stress e i sintomi fisici ad essi associati.

Brevi sessioni di biofeedback possono dare la prova al soggetto di come può iniziare ad apprendere a mantenere il controllo sul proprio stato di rilassamento per gestire al meglio i propri stati mentali, innanzitutto quelli che provocano disagio.

L’azione preventiva da parte degli psicologi può così costituirsi come una funzione importante per restituire alla persona la percezione di riuscire a gestire i propri stati mentali interni.

Se si è sufficientemente motivati e si riesce a focalizzare l’attenzione sui propri stati interni, diventandone consapevoli, risulterà piuttosto agevole portare avanti un programma anche in autonomia.

Soprattutto in ambito preventivo la consultazione e il trattamento psicologico  di ansia e stress e dei sintomi fisici ad essi correlati, se ben strutturato può anche in 5 sedute fornire degli strumenti utili .

Gestire una condizione stressante vissuta come invalidante in un ambito (ad esempio relazionale) consente di generalizzare questo apprendimento ad altri contesti (ad esempio lavorativo).

 

Se sei interessato ad avere maggiori informazioni su un intervento per la prevenzione e la riduzione di ansia e stress puoi contattarmi qui.

 

 

Related Posts