Psicologia pratica: 9 modi per interrompere l’overthinking, il pensiero eccessivo automatico che ci toglie risorse mentali

 

 

Per noi occidentali, già da piccoli pensare è sinonimo di intelligenza.
Ed è giusto così. Il problema è che ci abituiamo troppo a questa idea.
Perdendo di vista i vantaggi che svuotare la mente procura.
Esattamente come la giusta dose di pensiero ci aiuta:
  • a riformulare problemi quotidiani
  • a rielaborare contenuti di studio
  • a riorganizzare le nostre capacità di fronte a un imprevisto…
In molti altri casi, soprattutto quando di mezzo ci sono il cuore e le relazioni più strette, le cose cambiano.
Pensare troppo ci blocca.
Il tempo si ferma in paesaggi solo nostri e spesso abitati dalla paura, dall’ansia, dalla errata convinzione che ad attenderci ci sia un insuccesso.
Non ancora soddisfatti di questi meccanismi abituali, perseveriamo in questa attitudine diventando certi che l’insuccesso possibile, non abbia soluzioni.
Pensiamo a cosa avremmo potuto dire di diverso. E camminando certi su un sentiero che è del tutto arbitrario e pericoloso, ci trasformiamo nei nostri nemici, costruendo inganni, vedendo ombre, inciampando su ostacoli inesistenti.
Spesso riuscire a interrompere il flusso dei pensieri è un vantaggio di valore incalcolabile.
Raramente ci sono state insegnate le strategie utili a stoppare il flusso dei pensieri, quando da utile diventa governato dal caos, o non ci porta da nessuna parte. Anzi, spesso ci porta solo a soffrire.
Qui di seguito desidero proporti qualche semplice strumento da sperimentare.
Come in tante altre cose anche in questo caso l’esercizio potrà portarti dove non avevi neppure immaginato di arrivare.

  • ESERCITARSI NEL DISTACCO

#1 ABBANDONA IL CONTROLLO SU TUTTO

È difficile. Ma questa è la strada maestra. Pretendere di avere certezze ti porta costantemente a formulare ipotesi. A immaginare l’imprevedibile. A fare calcoli errati sull’imponderabile.
Come puoi farlo? Sforzandoti di entrare in contatto con un potentissimo strumento della mente. Il distacco.

#2 RENDITI CONTO CHE NON PUOI PIACERE A CHIUNQUE

Questo obiettivo se desideri ottenerlo, è anche più difficile del precedente. Ma quando inizierai a sperimentare la giusta distanza da chi hai attorno, ti renderai conto che ridurre il grado in cui dipendi dal consenso degli altri, sarà una boccata di aria fresca.

#3 ACCETTA QUESTO: ASSORBIRE LE ENERGIE DEGLI ALTRI È UNA MODALITÀ DI ESSERE EMPATICI SOLO IN APPARENZA UTILE A TE E A CHI TI STA DI FRONTE

Puoi essere accanto a chi ami in modi più sani e protettivi, rispetto all’eccesso di empatia. Potete fare cose nuove insieme, come una passeggiata o un tuffo in piscina, andare a vedere un film, o cucinare.
Spesso siamo invasi dal pensiero eccessivo perché consentiamo agli altri di riempirci dei loro contenuti: non è il tuo ruolo pensare per qualcun altro. Tieni a bada i tuoi confini, sarà di gran lunga meglio per tutti.

  • ESERCITARSI ALLA PRESENZA

#4 IMMAGINA DI AVERE AL TUO FIANCO UN TESTIMONE

Sentire accanto lo sguardo di questa parte di te, sarà un ottimo strumento per fermare il flusso negativo del pensiero. Perché attiverai meccanismi autocorrettivi.

#5 SPERIMENTA IL POTERE DELLA PERCEZIONE

I nostri sensi rappresentano un’arma formidabile contro l’eccesso di pensiero automatico. La luce che filtra dalla tenda, il rumore della pioggia e del vento, il sapore di una mela in bocca: sono gli alleati a cui potrai sempre accedere.

#6 COLTIVA LA PRESENZA MENTALE ATTRAVERSO IL RICORDO DI TE STESSO

Il ricordo di sé consiste nell’essere ben piantati nel momento presente. Quali emozioni ti attraversano ? Puoi concedere a te stesso di lasciarle fluire come onde alte, non entrare in lotta con loro. Non serve a nulla se non a privarti di energie proseguendo nel vortice dei pensieri intossicanti.

 

  • ESERCITARSI NELLA TRASFORMAZIONE

#7 NELLA MENTE TUTTO È POSSIBILE: CHIEDITI QUANTO SEI IL MAGO DI TE STESSO

Sei poi così sicuro che la mente sia abitata da contenuti diversi rispetto al mondo dei sogni?
La mente che ti dice “puoi” mentre sogni è la stessa che ti blocca nei pensieri più vincolanti mentre sei cosciente.

#8 USA I COLORI PER DEFINIRE UN TUO STATO D’ANIMO ANNEBBIATO DAL PENSIERO ECCESSIVO

Grigio? Rosso? Non chiederti perché. È sufficiente che questo colore, o questo insieme di colori interrompano il flusso del pensiero. I colori sintetizzano molte parole in una volta. Se sei vittima dell’overthinking, non ne hai bisogno di altre.

#9 NON CRITICARTI SE PENSI TROPPO

Lo facciamo tutti. La critica su di sé ha il super-potere di interrompere ogni potere di cambiamento.
Per questo l’accettazione delle parti di te che più rifiuti è il primo passo verso la loro integrazione con le tue parti piú luminose.

Approfondisci quale di questi servizi offerti può fare al caso tuo, del tuo partner, di voi due come coppia o di tuo figlio.

Qui troverai informazioni sui gruppi per genitori separati. 

Se questo articolo ti è piaciuto e deciderai di condividerlo sui social

grazie! 🙂

Se desideri saperne qualcosa in più sull’argomento consultando altri due miei articoli ti suggerisco meditare per gestire l’ansia e ansia e attacchi di panico nascono in famiglia.

Ti invito ad approfondire il mio metodo di lavoro e la mia formazione.

Related Posts